Blog: http://vulvia.ilcannocchiale.it

"Campi Flegrei. Mito, storia, realtà".

Fino al 30 gennaio 2007 a Castel Sant'Elmo, a Napoli, è in mostra il suggestivo e affascinante paesaggio napoletano.
Ben cento i dipinti, acquerelli, gouache, acquetinte, acqueforti e disegni che ritraggono la natura rigogliosa e i crateri fumanti legati alla presenza della Solfatara, chiamata anche "Forum Vulcani" e di cui parla, tra gli altri, lo storico Strabone, che tanto ha ispirato pittori e poeti d'ogni tempo.
Il mito voleva che la Solfatara fosse la dimora del dio Efesto, Vulcano per i romani.
Nel bacino interno di Capo Miseno Virgilio vi ambientò il VI canto dell'Eneide, è qui, infatti che Enea in compagnia della Sibilla incontrerà il padre Anchise, che gli rivelerà il glorioso futuro della gens fondatrice di Roma. In questo luogo sorsero le più belle ville dell'impero romano, anche per la presenza delle più belle terme del tempo: era il luogo ove imperatori e senatori amavano rifugiarsi per riposarsi. I paesaggisti maggiori sono:  Gaspar Van Wittel,  Joseph Vernet,
Hubert Robert, Pierre Jacques Volaire, Jacob Philipp Hackert, Antonio Smik Pitloo, Giacinto Gigante, Antonio Dominici, Jean Pierre Laurent Houel, Louis Ducros, Michael Wutky, Johan Christian Dahl, James Baker Pyne, Carlo Labruzzi, Luigi Crisconio,  Vincenzo Ciardo, Domenico Spinosa,   Carmine Di Ruggiero, Ernesto Tatafiore e dulcis in fundo Goethe con due acquerelli a matita: "Sella di Baia" e "Il lago d'Averno".
 Castel Sant'Elmo, sale del Carcere Alto, in cima al Vomero.
via Tito Angelini 20
tutti i giorni ad eccezione del mercoledì, 9-18 (la biglietteria chiude un'ora prima).
 La mostra rientra nel circuito Artecard per info  848.800.288.

Pubblicato il 10/12/2006 alle 16.21 nella rubrica ....

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web